26 Ottobre 2020


VENTOTENE e SANTO STEFANO
Porta d'Europa, Isola della Pace - Città della Cultura 2019 della Regione Lazio

il Comune dell'Anno Memorabile - Insignito nel 2019 del Diploma d'Europa

Medaglia d'argento al valor civile

Stazione di inanellamento

La stazione di inanellamento

Dal 1988 l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) coordina il Progetto piccole isole (PPI) che si basa su una fitta rete di stazioni insulari e costiere distribuite nel Mediterraneo. In queste stazioni vengono condotte attività di inanellamento standardizzato secondo protocolli accettati a livello internazionale.

Nei mesi tra marzo e maggio e ad ottobre, a seguito della visita al Museo della Migrazione, è possibile assistere alle attività che gli operatori di tale strutture fanno per inanellare gli uccelli migratori che passano sull'isola per riposarsi e rifocillarsi.

Il patrimonio naturalistico di Ventotene ha fatto si che essa venisse individuata come Riserva Naturale Statale.

La migrazione degli uccelli

Gli uccelli migrano fin dalle loro origini per spostarsi da una zona all'altra dell'emisfero, alla ricerca della risorsa alimentare, come adattamento alle condizioni climatiche. Gli spostamenti avvengono in autunno dai siti riproduttivi in Europa e Asia, fino alle zone di svernamento in Africa e viceversa nel periodo primaverile. Soprattutto in primavera, quando partono dalle coste del nord Africa, attraversando il Mediterraneo con un volo ininterrotto di 500 chilometri, utilizzano l'isola di Ventotene per riposarsi e rifocillarsi con insetti, semi o in particolare il nettare dei fiori, fonte energetica immediata. Ripartono poi, dopo uno o due giorni, per l'Europa occidentale e settentrionale, fino alla Russia orientale


Il processo di inanellamento

La tecnica dell'inanellamento consente il marcaggio individuale degli uccelli mediante un leggerissimo anello posto alla zampa che permette di studiarne le rotte di migrazione e la storia di vita.

In 32anni di inanellamento sono stati marcati 430.000 uccelli appartenenti a più di 200 specie diverse.

Nel periodo di migrazione gli uccelli che passano dalla stazione di inanellamento sono in media 300 al giorno, ma ci sono dei giorni che vengono presi fino a 1000 esemplari.

Durante le operazioni di inanellamento vengono rilevate misure biometriche e dati che hanno permesso la pubblicazione di più di 50 lavori scientifici, oltre che la raccolta delle informazioni che hanno permesso la realizzazione del Museo della Migrazione ed Osservatorio Ornitologico

Gli uccelli migratori

Gli uccelli migratori che tra febbraio e maggio di ogni anno passano sull'isola per riposarsi e rifocillarsi, vengono catturati e inanellati presso la stazione dell'inanellamento collegato al Museo così da poterne riconoscere il tragitto che fanno dall'Africa al Nord Europa e viceversa.


Il direttore del Museo

Eventi
[<<] [Ottobre 2020] [>>]
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Realizzazione siti web www.sitoper.it